mercoledì 21 novembre 2012

Agnese e la tempesta



Lo scorso post risale a poco meno di un mese fa. Da quel giorno in poi mi sono spostata a Torino, nelle Marche, poi una capatina anche a Napoli, sempre ripassando per Roma tra un viaggio e l'altro. In questi intermezzi romani più che altro ho imprecato contro quella che credevo una macumba tecnologica fattami da non so chi. Il mio computer è vecchio, vecchissimo ed è ora di mandarlo in pensione a fare lavori meno pesanti che modificare raw. Il computer nuovo l'ho acquistato a pezzi sia per risparmiare che per potermene fare uno ad hoc con tutto quello che mi serve. Durante i miei spostamenti iniziano ad arrivare i pezzi ma l'alimentatore sembra avere qualcosa che non va, a volte funziona a volte no. Poi si stabilizza ma il problema passa alla scheda video che invece bontà sua rimane così. La rispedisco al mittente e tutt'ora sto aspettando che mi mandino la sostituta. Inutile dirvi che in tutto questo sono passati giorni, giorni nei quali ho continuato ad usare il mio computer ridotto allo stremo delle forze. L'altro ieri mi ha quasi abbandonato del tutto lasciandomi solo la possibilità di scrivere e navigare in rete. Guai ad aprire un qualche programma, tanto meno photoshop. Inoltre ieri ha deciso di andare a farsi benedire anche uno dei miei tre hard disk esterni, e non uno a caso, ma l'unico nel quale avevo una cartella di foto che ancora non avevo backuppato. Presa dallo sconforto, mentre il solito grafico che gira per casa cerca di recuperare qualcosa dall'hd, ripulisco la cucina (è proprio vero che se la casa è pulita o il computer è rotto o è saltata la corrente) e tac, mi si fulmina una lampadina. Anche il giorno prima ne avevo fulminata un'altra, quella della scrivania, mentre quella dello specchio in bagno tintinna e lampeggia ogni volta che entro. Altro piccolo dettaglio è che il 90% delle volte che metto le mani sotto l'acqua corrente del rubinetto in cucina prendo la scossa... Non è una macumba, sono io, sono come Agata e a quanto pare ho una tempesta da risolvere. Chi è Agata? Agata è una bella donna in fase di cambiamento che fa saltare le lampadine e i computer, è la protagonista di un delizioso film tragicomico che vi consiglio vivamente di vedere. Aspettando di sapere se quella cartella dell'hd è recuperabile o no, e sperando che la nuova scheda video si faccia viva presto, mi rivedo il film e mi compro un paio di guanti di gomma, doppio strato. E per le lampadine? ... ancora non sono pronta, le ricomprerò.


Giusto per darvi un anticipo e per farmi l'appunto di tutte le cose che vi devo ancora raccontare, in questo mese ho fatto e vi parlerò di:
- una cena toscana all'hotel St.Regis di Roma
- il Salone del Gusto di Torino (sarò l'ultima a dire la mia a riguardo)
- visita al birrificio, alle cantine e al ristorante birrario di Baladin
- una lezione di cucina senza glutine
- una scappatella napoletana a base di pizza Sorbillo e babà
- una macchina per il sottovuoto che mi è stata regalata da Trespade e con la quale cercherò di provare l'ebbrezza della cucina a bassa temperatura fatta in casa
- una rubrica di food photography da portare avanti 
- nuovi attrezzi da cucina di Tescoma da provare
- splendida oggettistica di Vetri delle Venezie che userò per far bella mostra di qualche torta
- alcuni libri di cucina inviatimi dalla Panozzo editore e dal quale prenderò spunto per nuove ricette
- un nuovo modo di consumare uva durante i pasti non trasformata in vino ma in succhi al merlot, barbera, con zenzero e lemongrass, oppure con anice e liquirizia
- una marea di ricette nuove fatte e fotografate

Ce la farà la nostra eroina a gestire la tempesta?


Pin It

12 commenti:

  1. Ahahah! Oh povera!! :O
    Beh noi attendiamo i tuoi racconti :D
    Ahhh il Baladin...ci ho passato tanti di quei sabati sera della mia gioventù :D
    Un bacione e buona giornata!

    RispondiElimina
  2. Ah quindi abiti dale parti di Piozzo! sei delle langhe! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì fino a qualche anno fa abitavo a Dogliani e a Piozzo c'era una delle mie più care amiche, il cui padre peraltro lavorava proprio al Baladin :D
      Ora mi sono spostata di pochi km :)

      Elimina
  3. cara Agnese, non hai voglia di un po' di SLOW ?!
    A volte sono talmente stanca che anche le cose che più mi piacciono mi annoiano e le rifuggo. Penso che per quanto mi riguarda il proverbio 'il troppo, stroppia' sia calzante.
    Fai un bel respiro e vai avanti. :-)
    PS: per il PC & Co.: li vendo tutti i giorni e hai tutta la mia comprensione....

    RispondiElimina
  4. Si certo che il troppo stroppia, che detto all'inglese sarebbe la stessa cose di less is more (modo di dire che uso tantissimo) infatti scelgo di fare solo cose mi piacciono molto ed elimino il resto (ma in questo mese sembra di fossero tutti accordati per organizzare tutto contemporanemente). Rinuncio a molti eventi sopratutto se sono lontani. Mi serve stare ferma e dormire molte ore ;)

    RispondiElimina
  5. Mitica Agnese! Oh ma fare un investimento tipo un Mac? (Specialmente per la grafica/fotoritocco, per non parlare della facilità di uso e no virus).
    Ti parla uno che prima compra tutta roba made in China, la prova la rompe e poi la butta via prima di capire che sarebbe stato meglio spendere un po' di più all'inizio e comprare qualcosa di ottima qualità. :)
    Non sono un promotore apple, credo che iphone e ipad siano due giocattoli inutili. Però il valore aggiunto del Mac computer ce lo vedo per l'"utente medio". Io che sono smanettone il mac me lo sono fatto usando Linux. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non sei il primo che mi dice di comprare mac ma c'è un problema... non lo reggo il mac! costa troppo per quel che offre. inoltre i miei problemi nn sono legati al fatto di aver avuto un pc ma al fatto di averlo fatto arrivare a vecchiaia inoltrata prima di cambiarlo, ti averlo ridotto all'osso. Gli hd poi si rompono di loro, anche se hai mac ;)

      Elimina
    2. Eheh capisco anche a te piace "usurare" a fuoco lento gli strumenti del mestiere... :)
      Comunque non vedo l'ora di leggere una ricetta sous-vide! Farai il bollito non bollito? :D

      Elimina
    3. non ne ho ancora idea ;)

      Elimina
  6. cara Agnese, sullo stare a dormire molte ore... come ti capisco! son due sere che crollo alle 21.30. Baladin: fantastico, vorrei provare anche il ristorante. Il Salone del Gusto: è stato il mio primo reportage tutto M!!! Ce l'ho fatta, e vedrai che foto da NewYorkCity: tutte M! :) Pizza: non sarà Sorbillo, ma la faccio passare tutti i sabato sera! ;) e poi che altro? Ah! Non pubblicare tutto le prossime settimane, perchè per 15 giorni... STACCO COMPLETAMENTE LA SPINA!!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il ristornare baladin è meraviglioso! ci hanno invitato a cena lì dopo il giro del birrificio. Ovviamente vi mostrerò le foto e parlerò della serata. Cmq se puoi io già ti consiglio di andarci! Vai a NY? dai sono curiosa di vedere le foto ;) La pizza anch'io la faccio spesso a casa ma insomma le cose sono imparagonabili. Penso sia davvero la pizza più buona del mondo e non è un modo di dire. Tranquilla che qua per pubblicare non la vedo semplice... mi hanno detto oggi che la scheda video nuova non è disponibile e la devono ordinare... arriverà tra una settimana forse più quindi penso avrò ancora molti giorni di pausa forzata. Buon viaggio!!!! E cmq se anche avessi un botta di c...o e riuscissi a fare qualcosa prima rimane tutto qui nel blog e poi vederlo quando vuoi ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...